Clicca per ingrandire


 

Risposta alla richiesta di dimissioni del Consigliere Romeo Caputo

Castellanza, 12 Gen 2017. Riceviamo e pubblichiamo la risposta a quanto pubblicato ieri (CC).

Nel ribadire la mia disponibilità a sostenere questa Amministrazione nella misura in cui i principi e finalità statutari di PARTECIPAMO vengano rispettati, evidenzio due elementi che non sono stati finora osservati: il dialogo e il confronto, fondamentali per una logica partecipativa. All’esordio di legislatura la Maggioranza ha modificato l’accordo “bosco Cantoni” senza ricercare alcun riscontro dalle Minoranze, denunciando da subito un disallineamento rispetto ai valori che mi avevano portato a sostenere la nascita della lista PARTECIPIAMO.

  La mia attività in Consiglio Comunale è sempre stata finalizzata, e lo è tuttora, a sostenere posizioni a prescindere dall’Interlocutore. Le mie prese di posizione non sono dirette al Sindaco Mirella Cerini e non sono strumentali ad una condivisione politica con gli altri gruppi presenti in Consiglio, ma derivano dal senso di responsabilità che il ruolo di Consigliere Comunale d’opposizione richiede. Se il Sindaco e la sua Maggioranza sono chiamati ad assumersi la responsabilità delle scelte, il compito di Chi è all’opposizione  è quello di controllare, di valutare e, se viene data la possibilità, di dare un contributo.

   Non ho mai preteso di essere un depositario di verità, ma non mi si può chiedere di rinunciare ad esprimere il mio pensiero e a sostenere scelte che non condivido.

   Ribadisco dunque il pieno convincimento delle posizioni fin qui assunte e mi dispiace che si riduca  il dibattito politico alla richiesta di dimissioni di un Consigliere Comunale.

   Alle affermazioni fatte dal Capogruppo della maggioranza non ritengo opportuno e necessario puntualizzare, ma approfitto di questo ennesimo attacco nei miei confronti per raccontare un fatto di cui forse, né Lui, né Altri del gruppo Partecipiamo sono al corrente o preferiscono rimuovere: sabato 28 maggio, una settimana prima delle elezioni, in una riunione improvvisata in tarda serata presso la mia abitazione, presenti Mirella Cerini, Giuliano Vialetto, Claudio Caldiroli, Gianni Bettoni e Mazza Davide, sono stato caldamente invitato a desistere dalla pubblicazione di un comunicato stampa in cui, per il giorno 5 Giugno, andavo ad invitare gli Elettori a non esprimere preferenze sul mio nome.

   Ero quindi pronto ad abbandonare prima delle elezioni, ma mi è stato chiesto di rinunciare a fronte di rassicurazioni non rispettate. Perché mi si viene a reclamare  ora le dimissioni?

   Infine, se si vuole sottolineare che sono Consigliere Comunale perché eletto nella lista Partecipiamo, mi sia concesso un pizzico di presunzione nel sostenere anche che la mia candidatura ha dato un contributo, magari piccolo, alla riuscita elettorale.

   Chiudo nella speranza che sia l’ultima volta che si ritorni sull’argomento, ai Cittadini interessa altro.

Romeno Caputo

 

Altre opinioni