Clicca per ingrandire


 

A quando la resurrezione di Castellanza?

Castellanza, 7 Apr 2017. Riceviamo da Tiziano Langè un pensiero ancora intorno al fatto che, a suo parere, l'amministrazione a Castellanza non cambia, decide e non avvisa e i cittadini sembrano non contare nulla, preoseguendo con un "andazzo" che "non puo' durare". (CC).

John Stevens nel lontano 1812 aveva già capito l’importanza ed i grandi vantaggi della ferrovia. E la prima Società di passeggeri Baltimore and Ohio Railroad nel 1827 sancì definitivamente che  la civiltà dei bianchi aveva soppiantato la cultura degli indiani.
Ma non di tutti i bianchi.
Anni dopo la ferrovia si diffuse ovunque ed anche le Ferrovie Nord Milano iniziarono il servizio, che a dirla per intero, non è mai stato un monile.
Nonostante ciò chi per ragioni di lavoro è costretto a salirvi lo fa, svegliandosi alla buonora e sopportando - mettendo a rischio i neuroni della tranquillita’ - viaggi non  invidiati nemmeno dalle acciughe stipate sott’olio in vasi di vetro.

Politici, sindacalisti e sindaci sotto elezioni promettono tram treni, vagoni puliti, corse in piu’, rispetto degli orari, sicurezza. Nel West le cose andavano forse meglio, soprattutto nel rispetto della civilta’ e della correttezza; al massimo qualcuno  si faceva spicciola giustizia.

Ma veniamo al dunque.
Inchinandosi ai cosiddetti “poteri solidi” e per racimolare palanche, qualunque esse siano e derivino, da qualche giorno il bus cittadino la mattina esegue un viaggio dedicato e dopo aver servito, come faceva Arlecchino, due padroni; non arriva piu’ in stazione alle ore 8,40 – giusto in tempo per l’ultima coincidenza del treno delle 8,42- ma giunge 10 minuti dopo.
La coincidenza va a puttane, molti pendolari dovrebbero acciuffare il 9,42!!!!!!!!
Come è ormai consuetudine, l’educazione di Partecipiamo è rimasta muta. Nessun avviso, ecco spuntare gl’indiani del West, alcuni anni dopo. Ignoranza o spregiudicatezza di chi considera i cittadini pezze da piede o altro ancora? Viva la sudditanza e la voglia di sentirsi alla pari con chi ha tanti euro!
Comportamenti del genere suscitano solo vergogna.

In stazione “nuova” non bisogna tralasciare che l’ascensore (adibito soprattutto al trasporto dei disabili) è fermo tra il primo ed il secondo piano da piu’ di un mese. La cosa è molto grave e nessuno fa nulla.
I pericoli sono di scivolare sulle foglie, pagare gli arretrati di risibili affitti, vedere lievitare le rette, bere acqua sporca, rincorrere i rincari di tutte le bollette…

Da ultimo mentre si continua a “ronfare” sul sedime della ferrovia, ai semafori s’invecchia e la segnaletica orizzontale s’interpreta piu’ con la fantasia che con gli occhi.
Il 16 aprile il sepolcro si aprirà e ricorderemo che il Risorto l’ha fatto veramente. A quando la resurrezione di Castellanza? Bisognerà forse attendere l’effimera ed infantile gioia d’aver mangiato 100 volte la colomba e fatto 1000 mercatini?

Auguri cara Castellanza, te li meriti di cuore e ne hai proprio bisogno.

Tiziano Lange’


 

Altre opinioni