Clicca per ingrandire


 

Dodici questioni spinose

Castellanza, 26 Mag 2017. Riceviamo da Tiziano Langè una opinione che sviluppa una panoramica dei principali problemi cittadini che l'Amministrazione in carica penserebbe di risolvere, senza partecipazione, con esiti - a suo parere - sempre negativi per i cittadini; ecco le dodici 'perle' su cui Langè chiede ai topolini castellanzesi di riflettere. Aggiungiamo una tredicesima questione, quella dell'informaione ai cittadini che, a nostro parere, resta in un pietoso stato come testimonia la bacheca cittadina: senza anima, senza contenuti 'civici' e conseguentemene senza partecipazione dei suddetti topolini (CC).

Non passa giorno, ed è ormai quasi un anno, che i Cittadini castellanzesi non vengano a conoscenza di decisioni sempre penalizzanti nei loro confronti. Alla faccia della campagna elettorale imperniata su promesse lusinghiere, tutte rivolte al miglioramento della qualità di vita. La realtà è subito balzata agli occhi di tutti.

Vittima di qualche incantesimo o di qualche “ fattura” la reggente pro  tempore (speriamo poco) ha subito mostrato il vero volto ed il risultato è che delle promesse fatte non se n’è avverata NESSUNA.
Tutte le decisioni, tacciate per pensate e ripensate, in realtà possono esser frutto o di incapacità o di decisioni altrui fatte proprie. Ad oggi il cittadino non ha minimamente goduto di un vantaggio.
Se qualcuno la vede diversamente per favore ci apra gli occhi e faccia un elenco dei benefici o delle utilità godute dal popolo. Solo da noi il conflitto d’interesse non esiste. Sentiremo la Procura.

Al contrario l’urbano attento annovera queste perle:

- mancata rotonda viabilistica in località Buon Gesù, fu sbandierata alla grande

- recupero dell’area ex tintoria Olona procrastinando le porcherie già avviate prima

- Area ex Peplos, “ pasticcio all’italiana” non si capisce cosa farà il “rapace” che pretende di trasformare a proprio favore tutto ciò che desidera. Il progetto definitivo dovrà tornare in Consiglio Comunale e li si chiuderà la partita. I Cittadini hanno il dovere di conoscere e denunciare tutte le vistose anomalie dell’operazione

- bosco Cantoni il nostro Hyde Park, doveva esser fermato il giorno dopo le elezioni ora è un po’ in stallo: stiamo giocando con le sponde e le permute ma al cittadino cosa importa alla fine?

- gli alberi più sani del cimitero sono stati segati perché una bamba è scivolata. Giornalmente c’è chi scivola sulle deiezioni dei cani; segheremo loro le zampe? Non è  escluso!

- l’acqua potabile nel rione Castegnate è un lusso. Arriva molta sabbia, a volte è giallina, costa un occhio della testa

- rette e costi dei servizi sono lievitati. Non si poteva fare altrimenti o si doveva chiudere un asilo. Ma si può sapere chi è la mente geniale che partorisce queste soluzioni d’alta finanza? Forse sono gli esperti che dovevano venire da fuori…o forse  sono gli esperti fatti in casa come le tagliatelle? Gli stessi che hanno redatto un Bilancio da prima elementare con le
reminescenze di conto del maestro Castoldi?

- oggi apprendiamo che anche la rotonda al vecchio passaggio a livello sul Sempione è svaporata. Che rogna! Non ne va bene una. Io mi ricordo  che nel Bilancio comunale targato anno 2007 vi era una voce di 1.800.000 € per il sedime ferroviario. Quale mago li ha fatti sparire qualche anno dopo? Perché non si va alla loro ricerca? Magari si scoprirebbero cose interessanti invece di continuare a piangersi addosso per il borsellino è vuoto (ma non è vero)

- forse potremmo avere tre nuovi supermercati. Per quattro denari d’oneri che andranno via subito, ci porteremo dentro casa velenosi gas di scarico in più, polveri d’ogni tipo, traffico esorbitante, rifiuti a non finire, con l’illusione di qualche posto di lavoro, magari privilegiando gli ultimi arrivati dai gommoni. Ma un Market è quello……mamma che fifa! Se aggiungiamo il market in Legnano che sboccherà sulla nostra rotonda di via per Busto –  perché non  credo che la terremo chiusa. Chi finanzia ottiene sempre. La frittata sarà completa. Non dimentichiamo le elezioni comunali di Legnano alle porte con eventuali ripercussioni su Castellanza. Altri disoccupati busseranno e verranno accolti per carità e riconoscenza!

- altro problema la pescosa Olona. A giorni i miasmi sono insopportabili. Ora che i Verdi si son tinti di rosso siamo in balia degli inquinatori e delle loro schiume, nessuno fa più nulla

- ACCAM. Chi l’ha visto? Topolini di città sapete o vi hanno detto beh? Il verde cittadino sui corsi principali è da cartone animato, in compenso sono nate tante nuove erbe: w la botanica

- dulcis in fundo lo SPRAR. Io posso anche esser d’accordo dopo che mi avranno spiegato alcuni dettagli “secondari” sul come verrà gestita sta piaga. L’eccessivo buonismo “di facciata”, ingenera sotto sotto organizzazioni pericolose per
la salute e l’incolumita’degli innocenti. Vorremo toccasse anche a noi?


Cari topolini castellanzesi, mi spiace d’avervi tediato a lungo ma i problemi sono tanti, importanti e non sono solo questi. Dopo poco meno di un anno di gestione della povera Castellanza, io mi vergognerei un poco per le tante cose fatte e inizierei seriamente a pensare che per non creare ulteriori sconquassi, sarebbe dignitoso un composto ritiro.

Ciao Cittadini, alla prossima. Un caro saluto al “nonno civico” che scalda la sedia a chi?

Dott. Tiziano Lange’

 

 

Altre opinioni