Clicca per ingrandire


 

La pletora asfissiante della grande distribuzione

Castellanza, 21 Ago 2017. Da Tiziano Langè, già assessore al bilancio, riceviamo e pubblichiamo una riflessione "feriale"(CC).

Due neuroni sani

Bellissimo l’articolo del 14 agosto apparso su un quotidiano locale, che tratta la pletora asfissiante della grande distribuzione, a scapito dei negozi di vicinato.
Il sindaco che tratta questo argomento fa una giusta disamina sui negozi che chiudono, paesi che si svuotano sempre più di servizi indispensabili - Castellanza è l’esempio più lampante - dove si dorme profondamente e non si pensa al futuro.
La liberalizzazione troppo deregolamentata sono solo a vantaggio, per ora, delle grosse catene. Ed anche chi a parole dovrebbe fare gli interessi dei commercianti, in effetti non li fa, e questa è cosa molto grave.
Le casse dei Comuni non sono rifornite come anni fa; ma questo dovrebbe far funzionare bene il cerebro, nel senso che,
 per rimediare quattro oneri a costruire per un supermercato non si potrà fare ancora per molto…e poi?
Di questo passo a breve arriverà l’inflazione dei supermercati (io spero prestissimo) e  per forza di cose si dovrà far marcia indietro verso i negozi di vicinato.
Possibile che  due neuroni sani non facciano emergere strategie più lungimiranti del semplice far cassa, oggi, per morire domani?
Mi immagino fabbricati vuoti come lo fu la ex Esselunga, abbandonati in mezzo a sterpaglie; paradiso di talpe topi e formicai.
Ma Castellanza ha ancora i palazzoni di via San Giulio da sistemare, l’ex Enel, edifici fatiscenti qua e là, manutenzioni sempre piu’ gravose, strade da riasfaltare, rete idrica da sistemare, punti luce da rivedere, caditoie da pulire, manutenzione del verde da fare seriamente, derattizzazioni efficaci, ecc. ecc.
Non si risolve tutto con una notte bianca e tanti mercatini!

Ed infine due parole per chi tiene la cassa comunale nonché il bilancio. Mi sembra che non sia possibile per legge, utilizzare più di un tot degli oneri a costruire per spesa corrente  (dura lex sed lex), ed i pareggi di bilancio esitano da equlibri finali di competenza. Anche i parenti della candidata parlavano di assessori scelti da fuori…..
A parte che di ogni cosa detta non se n’è verificata manco una, però anche  la presa in giro dovrebbe avere un limite. Tantissimi cittadini due neuroni sani li posseggono e tanti fatti stridono.

Stavo dimenticando che il medesimi quotidiano, il 12 agosto riportava che a Lonate Pozzolo la Sanità torna a portata di mano con la RIQUALIFICA degli spazi dell’ex presido Asl. Al di sopra delle balle che ci ha raccontato la capa, anche Castellanza lo poteva fare!!!!!! Fummo invitati come Comune dalla dirigenza ASL di Busto per concertare un tavolo per trovare una consona soluzione coi Comuni interessati. Gli inviti furono forse più d’uno. Il risultato sempre lo stesso: NIENTE.

Ogni cittadino è libero d’imprecare secondo le proprie usanze.

Dott. Tiziano Lange’ - articolo feriale.

 

Altre opinioni