Clicca per ingrandire


 

I veri problemi che interessano la città

Castellanza, 1 Gen 2018. Riceviamo e pubblichiamo (CC).

Spunti dall’articolo de la Prealpina del 24 dicembre scorso. “Le critiche ci rafforzano..”
INTERVISTA “MINESTRINA” DI FINE ANNO.
Dopo un anno di gestione di 4300 Cittadini il consuntivo dichiarato è di aver partecipato a  quattro incontri; per decisioni già prese, sullo Sprar, le bollette acqua, i problemi del rione Buon Gesù, il senso unico in via Venezia.
Per il senso unico e Buon Gesù l’invito era rivolto ad uno sparuto numero di residenti. Per le bollette si è sbagliato interlocutore, quello giusto doveva esser AGESP, per l’accoglienza ai profughi erano presenti coloro che ci guadagnano.
Nel complesso un po’ pochino.
Io sono calmo, non fumo, mangio regolarmente - un bicchiere a pasto - dormo tutte le notti.
Ben altri sono i problemi che interessano l’intera Citta’ di cui raramente si fa menzione.
Per il 2018..” senso di comunità, all’aiutarsi l’un l’altro, al confrontarsi civil mente, ma anche alle piccole cose come il rispetto dell’ambiente (che poi è il rispetto del prossimo)”. Coerenza zero,confusione un po’, cataratta avanzata.
La zappa è sui piedi. I Cittadini inutili vorrebbero sapere: chi ha terminato di trattare le opere già in itinere dalla gestione Farisoglio, e perché dove si poteva non sono state fermate, come sbandierato. Forse perché i funzionari (che a norma di legge anti-corruzione avrebbero dovuto “girare” ma non lo si è fatto!) contano di piu’ della Dirigenza politica? Raccontando bugie madornali?
A che punto sono le trattative per gli altri gross-market che si sposteranno o faranno sede agli ex Ponti Are con ruderi annessi, o andranno al confine estremo sulla Saronnese? (territorio di Cerro ad uno sputo di fagiolo da noi?)
Il problema è sempre lo stesso. Per quattro euri incassati una volta e messi per spesa corrente, quasi sempre; ci portiamo a casa in perpetuo: smog, veleni, puzze, malattie ed altro di peggio. Troppi alberi segati per motivi vari. E’ questo il rispetto dell’ambiente e quindi del prossimo? Fare la calza o dedicarsi alla cucina forse sarebbe meglio per la nostra salute di cittadini inutili ma non stolti.
Infine c’è da chiedere al Guru degli anni passati di sistemare la questione sedime, e già che c’è il Polo chimico. Ma di queste cose e dell’ASL, persa per nostra colpa, avremo modo di parlarne diffusamente nel 2018.
In attesa dei Magi con poco lavoro, buonsenso e birra … felice 2018 a tutti i topolini ignari Castellanzesi.

Dott. Tiziano Lange’

 

Altre opinioni