Clicca per ingrandire


 

Un nuovo sfioratore per l'Olona? Soluzione non praticabile

Castellanza, 20 Mag 2018. Riceviamo e pubblichiamo (CC).

La soluzione proposta dai commercianti purtroppo è impraticabile
La Giunta rimane attenta  alla prevenzione, manutenzione impianti e pulizia scarichi e caditoie.


I cambiamenti climatici con le conseguenti cosidette “bombe d’acqua”, che provocano improvvisi allagamenti e notevoli disagi ai commercianti e cittadini, purtroppo non sono prevedibili. Scaricano una enorme quantità di acqua in pochi minuti ed in uno spazio molto ristretto ed altrettanto imprevedibile.
La caratteristica conformazione del territorio di Castellanza fa sì che in particolare la piazza Castegnate e le zone limitrofe siano da sempre quelle maggiormente colpite in questi casi. Sono quindi ben comprensibili i disagi dei cittadini e dei commercianti  così come sono da valutare attentamente alcune proposte fatte da questi ultimi  che comunque riconoscono l’impegno dell’attuale Amministrazione ed i pronti interventi della Polizia locale, dei tecnici comunali, di CAP Holding  e della nostra Protezione civile.
Con il coordinamento dell’ Ufficio Tecnico del comune,  è stata esaminata la proposta e valutati gli appelli fatti anche attraverso la stampa  dopo il nubifragio del 9 maggio che ha avuto come conseguenza l’allagamento parziale e temporaneo  con limitazione di accesso all’area di piazza Castegnate e di altre zone.
La richiesta fatta  a gran voce dai commercianti di realizzare  un ulteriore sfioratore in Olona al fine di far confluire nel fiume le acque meteoriche dei forti nubifragi, oltre a creare  dei problemi quando sale il livello del fiume, purtroppo non verrebbe autorizzata dalle autorità competenti (Autorità di Bacino del Fiume, dalla Regione e Provincia). E’ da tempo che queste Autorità non accettano alcun nuovo scarico diretto nell’intero tratto del fiume. Questo senza alcuna eccezione.  Si deve cercare, invece, di ridurre l’apporto idrico  nel  fiume facendo disperdere per quanto possibile le acque meteoriche in falda perché, come si può ben capire, qualsiasi incremento delle portate del fiume creerebbe ulteriori problemi in fatto di allagamenti più a valle.
Le verifiche subito fatte tempestivamente  dagli uffici e dai tecnici di CAP Holding hanno confermato che l’impianto di pompaggio esistente in piazza  che ha lo scopo di pompare l’acqua in Olona impedendone il reflusso, era perfettamente funzionante e le condotte fognarie risultavano pulite e libere da ostruzioni, come da videoispezione eseguita a gennaio.
In ultimo, ma non per importanza,  si vuole precisare che non è vero che ogni volta che piove a dirotto la piazza si allaga e l’acqua entra nei locali. I numerosi interventi eseguiti negli anni scorsi hanno ridotto il rischio allagamenti anche in presenza di questi fenomeni straordinari .
Davanti ad eventi che hanno dell’eccezionale e questo è il caso dell’ultima grandinata (basta vedere cosa è successo anche nel limitrofo comune di Legnano)  la situazione può essere mitigata  in piazza Castegnate  anche ricorrendo al  tempestivo posizionamento delle  paratie  di cui tutti gli esercizi commerciali sono dotati.
Rimane comunque  costante l’impegno di questa Amministrazione con i suoi uffici e con tecnici di Cap Holding  nelle  operazioni di monitoraggio, oltre alla manutenzione ordinaria e straordinaria del sistema di condutture e degli impianti presenti al fine di prevenire e limitare ogni disagio per i nostri cittadini.

Claudio Caldiroli - Partecipiamo Castellanza

 

 

 

Altre opinioni